Vàgites

Mi crompi sol de not:
al scur en tel tiepisin
‘na sintila la zira, la fà,
la se senta denter de mi
e denter de mi la cuno.

Chal strolec conzepiment
me fà plena de grazia?
Sol lat de sanch la vol
la bat che la vol sènter
fora dal sogn denter de mi,
la bat en chel pastrocio
fora dala vita, en do’ cresser
l’è chestion d’amor.

Chel grant plàser del s-ciaudarse
en chel liam de carn
l’è depint sul mè vis
en tel pù grant dolor
del dolze svedelar.

Chante lagrime versà
sota el slusor del zel;
che granda prova l’è chesta
esser de versi mater!

Mai, no son mai sta enzì vìa
a vìver coando ‘n gigiol de vita.
Enzì ne vegnin ‘ncontra
ti che ses nada, en tel compagn
sènter:

me speghli en tel lac de linfa
e vardi su de mi nodar
‘na vos che da l’ aca la ven,
la toa, ven dal font, font d’auter…
d’auter mondo.

Pòpo, straches el me cor
chando das rason a la to carn
e pretendes tut da mi,
ma sul pù bel t’agites,
chando l’è ora de nir chi,
vagites, semper vagites.

 

Leggi la traduzione

Io partorisco solo di notte/ al buio nel tepore/ una scintilla gira, fa/ si siede dentro di me/ e dentro di me la cullo.// Quale strano concepimento/ mi rende piena di grazia?/ Solo latte di sangue vuole/ batte perché vuole sentire/ fuori dal sogno dentro di me,/ batte in quella confusione/ fuori dalla vita, dove crescere/ è questione d’amore.// Quel gran piacere dell’effusione/ in quel nodo di carne/ è dipinto sul mio viso/ nel più grande dolore/ del dolce partorire.// Quante lacrime versate/ sotto la luminescenza del cielo;/ che grande prova è questa/ essere madre di versi.// Mai, non sono mai stata così viva/ a vivere covando una vita./ Così ci veniamo incontro,/ tu che sei andata, nelle stesse/ sensazioni:// mi specchio nel lago di linfa/ e guardo nuotare su di me/ una voce che viene dall’acqua,/ la tua, viene dal fondale, dal fondo dell’altro…/ dell’altro mondo.// Bambino, stanchi il mio cuore/ quando dai ragione alla tua carne/ e pretendi tutto da me,/ ma sul più bello ti agiti,/ quando è ora di venire qui,/ fai i vagiti, sempre fai i vagiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: