Archivio per dicembre, 2012

Neve che profumi di silenzio

Posted in Scorie di pensieri with tags , on 13 dicembre 2012 by gioverre

Mi rimane attonita e mi affascina. Ha sepolto l’interezza di un candore sepolcrale, ha ghiacciato l’onda tortuosa del tempo, è entrata alla festa chiassosa del mondo senza chiamare, senza battere.

Chi sei?

Mi chiedo e forse è già troppo violento chiedere intimamente che tutto si sconquassa in me e tutto fuori di me.
Sei una visione che velando svela l’ignota eternità e mi piacerebbe che le mie lettere del tuo medesimo colore, che purtroppo gracchiano irrompendo con così tanto rumore, fossero innocue, immacolate e saggiamente mute come la tua natura che ammanta lievemente.
Tu copri ciò che manca, concludi quello che è stato fatto, come il punto alla fine di una frase. Il tuo è un inno alla fine: cali piamente in una cerchia di punti bianchi che adagiandosi coprono tutta questa materia e il pensiero che fa tutto bello e brutto e tutto ciò che è stato abbandonato dalla vita nel buio di queste notti lunghe .         .         .
.             .              .                .               .            .              .             .             .                 .              .              .              .            .            .             .
.       .          .          .      .          .         .          .         .         .           .             .              .          .           .            .          .        .        .         .         .
.       .        .       .     .        .         .          .         .       .         .      .      .      .        .         .         .      .       .      .        .       .        .       .        .          .
.     .         .      .         .       .          .         .          .      .          .        .       .       .        .      .        .        .       .        .      .       .        .      .       .      .      .
.       .       .        .        .         .         .          .         .        .        .        .        .       .         .        .      .      .         .    .        .        .      .      .     .     .     .
                                                                                                                
Quanto sarebbe bello riposare sepolti nella quiete della coltre di neve  che profuma di silenzio

Nel frattempo mi fissi incantandomi e forse turbi la mia debole e volubile facoltà d’arbitrio che deve strutturarmi nella società dove vivo, perché con serena voluttà, a volte lievemente vorticosa, tu scendi divisa e ti ricompatti a terra e ammirandoti mi confondi e mi dividi nella mia unità d’essere (c o s a f a r e ?)

                         muoversi                             guardare

      lasciar                  tracce                                restar              fermi

 agire           ispirato               dimenticare          di       lavorare

                             vivere                        morire

                          giocare                      contemplare

Annunci

Rise

Posted in Scorie di pensieri with tags , , , on 2 dicembre 2012 by gioverre

Questa mattina mi sono svegliato prima dell’alba e ho fatto ordine nelle stanze dei miei pensieri.

Mi sono accorto di aver considerato la mia vita come un fallimento (concetto che cammina sgherlo, mia ossessione, con le stampelle) all’interno della società, ma, senza l’influenza di alcun rumore, ho fatto fare un nuovo giro al mio punto di vista e l’ho tradotto in un’altra maniera: as a repulsion towards society.

Al buio di questa notte non finita adagio parole nel silenzio di questo spazio familiare. Finalmente mi accolgo dentro la mia casa, dentro il mio corpo, dentro di me. Attendo con una lieve gioia primigenia il sorgere del sole…

(noncurante della morsa del tempo)

Io scrivo aspettando l’aurora sulla cresta di un cratere. Sotto c’è tutto un mal-essere, un magma dell’essere, che ribolle, s’infuoca, cola, s’alza, s’allarga scuotendo. Non è il momento di spaventarsi. Ora posso quiescere con la percezione salda alle cose e libera di sentire fuori e dentro me, con la mente momentaneamente esautorata dai compiti del giorno. Ora posso rivolgere lo sguardo alla prima luce dell’intimità…

 

sunrise
============================================================================
una laurea che non vale un cazzo. il servizio sanitario italiano che non funziona. rubinetto che spande. M13 odiato. bocconi avvelenati nei boschi. il giro quotidiano di Spugna. freddo. crampi nel scendere le scale. mancano biscotti e fette biscottate. promemoria per il resoconto meteorologico della Valle. articolo sul Vecchio Monastero. pranzo con i collaboratori de Il Bernina. preoccupazione: Spugna si gratta le orecchie in maniera selvaggia. entrano gli inquilini. manca il contratto d’affitto. firmare delega per assemblea condominio panorama. Imu costosissima. permesso di soggiorno non rilasciato. fame. denti cariati. acquisto tufi. sempre aggiornati sull’attualità. telefonare agli atleti SponsorPool. cellulare vecchio con auricolare malfunzionante. imparare il tedesco. spedire curriculum per supplenze. prepararsi per la serata: concerto a Brusio. cambiarsi. Spugna si lamenta. stipendi miseri. pensieri poco confortanti sul vivere questa vita