Archivio per Poesia en dialèt

Acqua dialettale: due esempi in Pasolini e Marin

Posted in Quasar interstellari with tags , , , , on 22 luglio 2010 by gioverre

Quanta acqua troviamo nelle poesie dialettali! Acqua salvifica, acqua decorativa, acqua bucolica, acqua vitale, acqua fresca, acqua che scorre, acqua dei monti, dei fiumi, del mare. Nella poesia dialettale del Novecento l’acqua ha acquisito maggior rilevanza simbolica e a proposito, in questo post, lascio due esempi molto importanti. Per Pierpaolo Pasolini, attraverso l’acqua, l’Io del poeta si osserva, si rispecchia, e non a caso la figura centrale delle sue “Poesie a Casarsa” è Narciso. Con questo personaggio mitologico il poeta friulano s’identifica, si ritrova nel piacere di ammirarsi e va oltre perlustrando dentro se stesso, indagandosi e confessandosi in versi fino a saggiare l’ebbrezza dello scandalo, oppure arrivando a un egocentrismo talmente spinto che non è più comunicazione immediata con gli altri. Nell’esempio di Biagio Marin il sogno è legato visceralmente con l’acqua, che per questo motivo simboleggia il passaggio per venire a contatto con un’altra dimensione, per dare vita all’esperienza intima e fortemente personale del poeta.
L’acqua  significa purezza e innocenza del tempo perduto ed è quell’elemento simbolico che si riversa sulla nostra vita allagando e sommergendo le cose presenti affondandole nell’abisso del passato. Chi ha coraggio di guardare nella sua trasparenza, può penetrare con lo sguardo dell’anima nella profondità dell’essere.

 

O me donzel

O me donzel! Jo i nas
ta l’odòur che la ploja
a suspira tai pras
di erba viva… I nas
tal spieli da la roja.

In chel spieli Ciasarsa
– coma i pras di rosada –
di timp antic a trima.
Là sot, jo i vif di dòul,
lontàn frut peciadòur,

ta un ridi scunfuartàt.
O me donzel, serena
la sera a tens la ombrena
tai vecius murs: tal sèil
la lus a imbarlumís.

O me giovinetto! Nasco/ nell’odore che la pioggia/ sospira dai prati/ di erba viva… Nasco/ nello specchio della roggia.// In quello specchio Casarsa/ – come i prati di rugiada -/ trema di tempo antico./ Là sotto io vivo di pietà,/ lontano fanciullo peccatore,// in un riso sconsolato./ O me giovinetto, serena/ la sera tinge l’ombra/ sui vecchi muri: in cielo/ la luce acceca.

da Poesie a Casarsa di Pierpaolo Pasolini

  Continua a leggere

Fontanon

Posted in Smicjada de Slusori with tags , on 19 luglio 2010 by gioverre

Son chi, Nono, semper
vegnes chando me fermi
a scoutar l’òra e parles,
contime amò del tut,
de chel dialèt negà,
enruzemà e s-cjatarà,
che de vozi en ghe n’è massa
che le vegn e le va vers el voit,
e dime com’èla con chest’aca
a dirghe semper “no no”,
con ela che semper la vòl ,
che se s-cjafa sora e la dis “sì sì”
sautar e s-ciampar sì sì sora e nar.

Son chi, Nono, semper
te contentes de véderme
anca se son macià de pecà,
màndime ‘na contenta
parola dal font del fontanon,
e dime entel tò dòrmer
de chest’aca forta de vita
endo’ me speghli
el mus, el cor, la via.
N’è cascà tanta de aca
su aca, sbater del temp
su i tempi passadi e nadi,
cantar lontan de secoi,
che ti tegnes col zement,
ch’ades sfrisi con le mè
ongle seche e debolòte,
semper chel e lonc par semper.

Te scouto,
el sas ben,
ma mì chi
no ston pù:
i me tòl en ziro
i me da del mat.

Vardàve! Continua a leggere

Vàgites

Posted in Smicjada de Slusori with tags , on 8 Maggio 2010 by gioverre

Mi crompi sol de not:
al scur en tel tiepisin
‘na sintila la zira, la fà,
la se senta denter de mi
e denter de mi la cuno.

Chal strolec conzepiment
me fà plena de grazia?
Sol lat de sanch la vol
la bat che la vol sènter
fora dal sogn denter de mi,
la bat en chel pastrocio
fora dala vita, en do’ cresser
l’è chestion d’amor.

Chel grant plàser del s-ciaudarse
en chel liam de carn
l’è depint sul mè vis
en tel pù grant dolor
del dolze svedelar.

Chante lagrime versà
sota el slusor del zel;
che granda prova l’è chesta
esser de versi mater!

Mai, no son mai sta enzì vìa
a vìver coando ‘n gigiol de vita.
Enzì ne vegnin ‘ncontra
ti che ses nada, en tel compagn
sènter:

me speghli en tel lac de linfa
e vardi su de mi nodar
‘na vos che da l’ aca la ven,
la toa, ven dal font, font d’auter…
d’auter mondo.

Pòpo, straches el me cor
chando das rason a la to carn
e pretendes tut da mi,
ma sul pù bel t’agites,
chando l’è ora de nir chi,
vagites, semper vagites.

 

Leggi la traduzione Continua a leggere